Uganda: una “app” per diagnosticare la malaria
Redazione 22 agosto 2013 La Gabbianella in...forma

Uganda: una “app” per diagnosticare la malaria

Mozambique, Nicolada District, Lualua Village.Strumenti di lavoro: dal web gli aggiornamenti sulla situazione internazionale.

Dal sito della Cooperazione italiana per lo sviluppo

UNA ”APP” PER DIAGNOSTICARE LA MALARIA

Si chiama Matibabu, che in lingua swahili vuol dire ‘centro medico’, la nuova applicazione per ”smartphone” capace di diagnosticare la malaria. Ad inventarla sono stati quattro studenti ugandesi che, terrorizzati dagli aghi necessari per i prelievi di sangue, hanno ideato un software di analisi capace di diagnosticare la malattia, senza dolorosi prelievi. Grazie a Matibabu, l’esame si effettua in 15 minuti e prevede l’utilizzo di un ‘matiscopio’, congegno a raggi infrarossi che attraversa la pelle del dito e analizza la quantità di globuli rossi presenti nel sangue. Una volta individuati dei globuli infetti da malaria, l’applicazione consente di diagnosticarla in fase ancora precoce.

”Senza punture e senza lunghe camminate per raggiungere il medico, sarà possibile effettuare un test attendibile” hanno spiegato i quattro giovanissimi inventori, la cui applicazione potrebbe essere messa in commercio già entro i prossimi due anni. Se Matibabu sarà gratuita, il congegno a raggi infrarossi costerà invece tra i 15 e i 20 euro, ma consentirà alle popolazioni rurali, soprattutto del Nord Uganda, di diagnosticare la malaria prima di osservarne i sintomi spesso irreversibili.