Rapporto Unaids: progressi nella lotta all’Aids
Redazione 31 luglio 2013 La Gabbianella in...forma

Rapporto Unaids: progressi nella lotta all’Aids

Getting-to-zeroStrumenti di lavoro: dal web gli aggiornamenti sulla situazione internazionale e la cooperazione.

Dal sito della Cooperazione italiana allo sviluppo

Progressi nella lotta all’Aids

Il numero di decessi dovuti al contagio del virus Hiv in Africa orientale e meridionale sono diminuiti di circa il 50 per cento negli ultimi otto anni. È quanto emerge da un rapporto pubblicato dal Programma delle Nazioni Unite per l’Aids/Hiv (Unaids), secondo cui in diversi paesi ella regione, tra cui Botswana, Etiopia, Kenya, Namibia, Ruanda, Zambia e Zimbabwe, il numero di decessi per Aids dal 2005 è pressoché dimezzato, in concomitanza con un aumento delle persone in grado di accedere alle terapie antiretrovirali, passate dalle 625 mila del 2005 ai 6,3 milioni del 2012.

Secondo il rapporto, il numero di nuove infezioni da Hiv tra i bambini è stato ridotto della metà nel decennio 2001-2011 e le nuove infezioni tra gli adulti di età compresa tra i 15 e i 49 anni si sono ridotte di circa un terzo, mentre i servizi di prevenzione contro la trasmissione di Hiv da madre a figlio nel 2011hanno raggiunto una copertura del 72 per cento della popolazione dell’Africa orientale, permettendo a quasi 700 mila donne in gravidanza affette da Hiv di accedere alle cure, circa 100 mila in più rispetto all’anno precedente.

Lo studio mette in luce, inoltre, che il numero di giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni affetti da Hiv è diminuito del 40 per cento nel 2011 rispetto al 2001, tuttavia il tasso di contagio tra i giovani resta particolarmente elevato, con 450 mila casi registrati nel 2011.