Per il 2011 il 5 x mille versato è di 488 mln ma il tetto è 400
Redazione 13 giugno 2013 La Gabbianella in...forma

Per il 2011 il 5 x mille versato è di 488 mln ma il tetto è 400

Strumenti di lavoro de La Gabbianella - Coordinamento per il sostegno a distanzaStrumenti di lavoro: dalle agenzie di stampa gli aggiornamenti sulle politiche sociali e sul 5 x mille, l’unica norma di sussidiarietà fiscale a beneficio del non profit.

Fisco: Fassina, 5 x mille 2011 a quota 488 mln ma tetto è 400 mln

(ANSA) – Roma, 13 giugno 2013 – ”L’importo totale” versato dai contribuenti nel 2011 per il 5 x mille è pari a ”488 milioni di euro”. Lo riferisce il viceministro dell’Economia Stefano Fassina, rispondendo a un’interrogazione parlamentare in Aula alla Camera e ricordando come il tetto del 5 x mille sia però di 400 milioni di euro.
”Nel caso in cui le somme complessive corrispondenti alle scelte operate dai contribuenti risultino superiori agli stanziamenti previsti – spiega Fassina – su richiesta del dipartimento della Ragioneria generale dello Stato l’Agenzia delle entrate deve provvedere a rimodulare la ripartizione degli importi spettanti sulla base delle effettive disponibilità. In particolare – sottolinea il viceministro – l’effettiva quota spettante a ciascun ente viene rideterminata dall’Agenzia applicando, alla quota corrispondente alle scelte effettuate dai contribuenti, la percentuale risultante dal rapporto tra l’importo totale stanziato e l’importo totale corrispondente alle scelte operate. Quindi si tratta di una ripartizione puramente proporzionale”.
”Relativamente all’esercizio finanziario 2011, l’Agenzia delle entrate – sottolinea Fassina – fa presente che l’importo totale ottenuto in base alle scelte operate dai contribuenti corrisponde a 488 milioni di euro. In data 30 gennaio 2013, il dipartimento della Regionale generale dello Stato ha comunicato all’Agenzia delle entrate che le risorse disponibili in bilancio sull’apposito capitolo 3094 corrispondevano a 395 milioni di euro. L’Agenzia delle entrate ha quindi provveduto ad effettuare la rimodulazione degli importi spettanti a ciascun ente sulla base delle effettive somme erogabili, che corrispondono, appunto – conclude il viceministro – a 395 milioni di euro e non ai 391 come indicato dagli onorevoli interpellanti”.

Fisco: Pd, stabilizzare 5 x mille e cancellare tetto
Così diventa 4 x mille, governo sostenga ddl bipartisan
(ANSA) – Roma, 13 giugno 2013 – “Il Parlamento renda stabile l’istituto del 5 per mille ed elimini il tetto di spesa fissato a 400 milioni di euro, molto inferiore a quanto realmente destinato dai cittadini”. Lo dicono i deputati democratici Luigi Bobba e Giorgio Zanin, commentando la risposta del viceministro all’Economia Stefano Fassina, alla loro interrogazione sul 5 per mille discussa stamani nell’Aula di Montecitorio.
“Finalmente il governo ha reso nota la cifra dell’importo totale versato dai contribuenti – proseguono i deputati Pd – pari a quasi 488 milioni di euro per il 2011: è un importante atto di trasparenza di cui diamo atto al governo e ci auguriamo non sia più necessario dover fare un’interpellanza urgente per venirne a conoscenza”.
”A causa del tetto il 5 per mille, in base al ricalcolo, diventa di fatto poco più di un 4 per mille – sottolineano i deputati Democratici – visto che il viceministro ha reso noto che la cifra in bilancio disponibile si è assestata a circa 395 milioni, cifra che sarà effettivamente ripartita tra i diversi soggetti beneficiari. Invitiamo il governo a sostenere la proposta di legge bipartisan presentata la scorsa legislatura al Senato per rendere finalmente stabile il sistema del 5 per mille e abolire il tetto di spesa”.