Papa Francesco: bisogna ridare cittadinanza sociale alla solidarietà
Redazione 27 maggio 2013 La Gabbianella in...forma

Papa Francesco: bisogna ridare cittadinanza sociale alla solidarietà

papa_solidarietàStrumenti di lavoro: occorre “ripensare” la solidarietà?

Venerdì scorso, 25 maggio, papa Francesco ha ricevuto i membri della Fondazione “Centesimus annus Pro Pontifice” in occasione del Convegno internazionale sul tema: “Ripensando la solidarietà per l’impiego: le sfide del ventunesimo secolo”.

“L’attuale crisi economica e sociale rende ancora più urgente questo ‘ripensare’ (…)” – ha detto il Papa. “È un fenomeno, quello della disoccupazione – della mancanza e della perdita del lavoro – che si sta allargando a macchia d’olio in ampie zone dell’occidente e che sta estendendo in modo preoccupante i confini della povertà. E non c’è peggiore povertà materiale, mi preme sottolinearlo, di quella che non permette di guadagnarsi il pane e che priva della dignità del lavoro. Ormai questo ‘qualcosa che non funziona’ non riguarda più soltanto il sud del mondo, ma l’intero pianeta.
Ecco allora l’esigenza di ‘ripensare la solidarietà non più come semplice assistenza nei confronti dei più poveri, ma come ripensamento globale di tutto il sistema, come ricerca di vie per riformarlo e correggerlo in modo coerente con i diritti fondamentali dell’uomo, di tutti gli uomini. A questa parola ‘solidarietà, non ben vista dal mondo economico – come se fosse una parola cattiva -, bisogna ridare la sua meritata cittadinanza sociale“.

Il discorso integrale del Papa