Nada, la sposa bambina che si ribella alle nozze
Redazione 25 luglio 2013 La Gabbianella in...forma

Nada, la sposa bambina che si ribella alle nozze

Repubblica-250713Strumenti di lavoro: dalla rassegna stampa gli aggiornamenti sulla situazione internazionale.

Nada, la sposa bambina che si ribella alle nozze
E fuggita da casa, nello Yemen: “Ho 11 anni e voglio essere libera”
Il suo video è stato postato su You Tube e lei è diventata un simbolo

La Repubblica, 25 luglio 2013Dal nostro inviato Francesco Mimmo

GERUSALEMME
Ada ha undici anni. Vive a Sana’a, nello Yemen. Guarda dritto in camera con grandi occhi scuri e con calma dice: «Piuttosto che sposarmi, mi uccido». Poi spiega come si è ribellata ai suoi genitori e al suo destino di sposa bambina, venduta a un adulto sconosciuto. La sua storia la racconta lei stessa in un video su You Tube, finito prima sui media arabi e infine esploso sui siti Intemet di tutto il mondo. Il video della sua denuncia, tradotto in inglese, è stato scaricato in pochi giorni oltre cinque milioni di volte. Così il coraggio di Nada è diventato un simbolo, il suo appello anonuccidere i “sogni dei bambini” un pugno nello stomaco. Perché Nada è riuscita a sfuggire a quell’incubo, ma il suo caso è solo la punta di un iceberg: non tutte le bambine dello Yemen, e di molti altri paesi poveri del mondo, potrebbero raccontare lo stesso lieto fine.

Le parole della giovane yemenita commuovono e catturano nellaloro semplicità: «Ciao a tutti – dice Nada nel video – è vero, sono scappata dalla mia famiglia. Nonpossopiùvivere con loro, voglio stare con mio zio. Cosa hanno fatto di male le bambine? Perché devono sposarsi? Io sono riuscita a risolvere il mio problema, ma molte bambine innocenti non possono fare lo stesso. Molte di loro potrebbero morire o suicidarsi o fare chissà cos’altro. Sono solo bambine, cosa ne sanno? Ma non è colpa nostra e io non sono l’unica, come me ce ne sono tante. E piuttosto che sposarmi preferirei essere morta. Alla mia famiglia dico che con loro ho chiuso, hanno rovinato tutti i miei sogni».

Il video è stato registrato l’8 luglio, i giornali arabi poi hanno ricostruito la vicenda pezzo per pezzo. Finché la storia di Nada non è stata raccontata per intero sul sito di news libanese Now dalla giornalista e attivista yemenita HindAl Eryani.

La bambina nel video è Nada Al Ahdal, scrive Now, scappata dai genitori che volevano farla sposare in cambio di denaro. Un famiglia modesta con otto figli. Ma per fortuna di Nada è uno zio, tecnico e grafico in una tv locale, ad occuparsi di lei: quando h a tre anni la porta a Sana’a, le fa studiare musica e inglese. Nada ha anche un certo talento per il canto, partecipa a spettacoli musicali. Nelle parole dello zio, Abdel Salam Al Ahdal, la loro felicità si rompe quando i genitori di Nada si rifanno vivi per incontrarla. Qualcuno l’ha chiesta in sposa, un ricco espatriato yemenita che vive in Arabia Saudita che non vuole nemmeno sapere quanti anni ha. I genitori acconsentono. «Aveva appena dieci anni e tre mesi – dice Abdel – e io sono entrato nel panico. Ho provato di tutto, ho detto che Nada non era adatta a quell’uomo, che non avrebbe indossato il velo». La strategia dello zio sembra funzionare, il matrimonio viene posticipato. Tanto che Abdel accettala richiesta dei genitori di riavere la piccola a casa, aZubaid, per il Ramadan. A quel punto Nada sparisce. Il suo destino sembra segnato come quello di una sua sorella maggiore per la quale erano stati combinati diversi fidanzamenti ancora prima che avesse 18 anni. Ma Nada scappa, torna dallo zio che si rivolge alle autorità.

Una breve indagine, con in mezzo una denuncia di rapimento, fa emergere la verità. A quel punto il padre, pertimore di un’accusa di falsa testimonianza, cede e riconsegna Nada alla zio. La piccola yemenita torna così libera di fantasticare e di coltivare i suoi sogni: «Voglio diventare una star», dice. E scrive una lettera all’autrice dell’articolo di Now: «Sono una bambina e voglio realizzare i miei sogni, mia zia fu costretta a sposarsi e si è uccisa. Io voglio andare a scuola e aiutare altre bambine. Voglio dire alle madri e ai padri: non uccidete i nostri sogni».

Ora Nada è un’eroina su Internet, l’ingenuità del suo volto ha conquistato il web. Difficile valutare l’indipendenza e l’attendibilità di tutte le circostanze emerse da quel video, per la prima volta postato da un fotografo yemenita e diventato virale dopo la traduzione in inglese del Memri (Middle east media research institute) un’organizzazione no-profit finanziata da contributi volontari fondata da un ex colonnello dell’esercito israeliano con lo scopo di monitorare la stampa araba e in passato spesso accusato di faziosità. Le parole di Nada, nel video e nei suoi messaggi inviati alla stampa, sembrano pensate da un adulto. Ma in ogni caso fanno emergere una drammatica verità. Secondo uno studio delle Nazioni Unite, del 2006, oltre la metà delle yemenite si è sposata prima dei diciotto anni. Il 14% di queste addirittura prima dei 15 anni, in un paese dove non esiste un’età minima per il matrimonio. Nei paesi poveri del mondo, gravidanze e complicazioni nel parto sono la principale causa di decesso perle ragazze trai 15 e i 19 anni e, secondo l’Unicef, un terzo delle donne sposate di età tra i 20 e i 24 anni lo ha fatto prima dei 18 anni. Una percentuale che sale fino al 50% per donne più grandi. Un destino al quale almeno Nada sembra essere sfuggita.


NEL MONDO
Si stima che ogni anno 14 milioni di ragazze vengano sposate prima dei 18 anni. In un decennio, saranno 142 milioni

IN NIGER
In Niger il 75% delle bambine deve sposarsi prima dei 18 anni: è il tasso più alto dei mondo. Nelle aree rurali si arriva all’89%

IN ASIA
Nell’Asia meridionale è costretto alle nozze il 46% delle ragazze. In molti Paesi la loro età media è di 15 anni