Migranti: Unhcr, 8400 arrivati in Italia e Malta nel 2013
Redazione 6 luglio 2013 La Gabbianella in...forma

Migranti: Unhcr, 8400 arrivati in Italia e Malta nel 2013

2013.07.05lampedusa-big(AGI) – Roma, 5 lug. – Sono circa 8.400 i migranti e i richiedenti asilo che nei primi 6 mesi dell’anno sono approdati sulle coste italiane e maltesi. Sono le stime dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) secondo cui la maggioranza, 7.800, è arrivata in Italia e circa 600 a Malta. L’Unhcr ha anche registrato la morte di circa 40 persone che cercavano di attraversare il Mediterraneo nel tratto compreso tra il Nord Africa e l’Italia. La cifra si basa sulle interviste raccolte tra coloro che hanno raggiunto l’Europa via mare. Per quanto riguarda i rifugiati si tratta soprattutto di persone partite dal Nord Africa, in particolare dalla Libia (circa 6.700). Gli altri 1.700 hanno invece attraversato il mare da Grecia e Turchia per sbarcare in Puglia e Calabria. I principali luoghi d’origine di questi migranti e richiedenti asilo sono i paesi dell’Africa sub-sahariana – in particolare Somalia ed Eritrea – ma anche Egitto, Pakistan e Siria. Numeri piu’ limitati di persone provengono anche da Gambia, Mali e Afghanistan. Il Mediterraneo è uno dei tratti di mare più percorsi del mondo e costituisce una pericolosa frontiera marittima per i migranti e richiedenti asilo diretti verso i paesi dell’Europa meridionale. Alla luce di tali rischi l’Unhcr reitera la propria esortazione a tutte le imbarcazioni in navigazione affinché restino costantemente allerta sulla presenza di migranti e rifugiati che hanno bisogno di essere soccorsi.

L’Agenzia inoltre rinnova il proprio appello a tutti i comandanti di nave in navigazione nel Mediterraneo affinché restino vigili e adempiano al proprio dovere di soccorrere le imbarcazioni in pericolo. In base al diritto internazionale ed europeo gli stati devono garantire che le persone intercettate o soccorse in mare che chiedono asilo abbiano accesso al territorio e a una procedura d’asilo, nell’ambito della quale le loro necessità o richieste di protezione internazionale possano essere esaminate. Nel corso dell’intero 2012 erano circa 15mila i migranti e richiedenti asilo che avevano raggiunto via mare le coste italiane (13.200) e maltesi (1.800) .