Legge di stabilità: ultimo appello del Terzo settore
Redazione 13 dicembre 2013 La Gabbianella in...forma

Legge di stabilità: ultimo appello del Terzo settore

forumLEGGE DI STABILITÀ: ULTIMO APPELLO DEL TERZO SETTORE

COMUNICATO STAMPA DEL FORUM DEL TERZO SETTORE

Roma, 13 dicembre 2013

Si è svolta questa mattina la conferenza stampa del Forum Nazionale del Terzo Settore per restituire stabilità alle politiche sociali del nostro Paese.

“Il nostro è un ultimo appello al Governo e alla Commissione Bilancio che in queste ore stanno valutando gli emendamenti alla Legge di stabilità – ha dichiarato il Portavoce Pietro Barbieri -. Una legge che abbiamo già giudicato, nelle scorse settimane, come un bicchiere ‘mezzo vuoto’. Abbiamo riscontrato miglioramenti e un’inversione di tendenza rispetto al passato sui temi del welfare e del terzo settore, ma sappiamo anche che in questa Legge si è lavorato sostanzialmente su riposizionamenti di ciò che era già previsto in precedenza e già messo in discussione, perché rischiava di avere effetti disastrosi, nelle due precedenti Leggi di Stabilità.”

“Abbiamo trovato una importante disponibilità da parte di molti parlamentari e dall’Intergruppo del terzo settore, tutte le proposte su cui abbiamo cercato di lavorare sono state presentate, tuttavia moltissimi degli emendamenti non sono stati ammessi.” – ha proseguito il Portavoce.

Pensiamo – ha concluso Barbieri – che ci debba essere una svolta significativa sul riconoscimento culturale del ruolo del terzo settore a partire dalla lotta alla povertà, alla questione dell’Imu al non profit e l’imposta di registro, da un adeguamento importante del Fondo per le politiche sociali e Fondo Infanzia – che ha visto sottrarsi 10 milioni di euro-, dal 5 per mille – unico strumento di sussidiarietà e di libertà delle organizzazioni -, agli impegni su Tasi e Tari, le detrazioni che normalmente vengono applicate al terzo settore. Su tutto, lo abbiamo detto, manca una prospettiva di stabilità per gli anni a venire. E questa ci sembra una politica miope. Sarebbe una grande opportunità quella di riuscire a scardinare un meccanismo che vede l’impossibilità di programmazione di servizi, prestazioni e attività da parte del terzo settore, mettendoci invece nelle condizioni di farlo. Quello che chiediamo in fondo non è un lusso, ma l’essenziale che ci consenta la realizzazione di interventi efficaci.”

_____

Alla conferenza ha partecipato anche Stefano Tassinari, Vicepresidente vicario delle Acli, che ha portato la proposta sul cuneo fiscale: “Si costituira’ un fondo per ridurre il cuneo fiscale, parte alle imprese, parte ai lavoratori. Nella parte lavoratori si privilegino i piu deboli aumentando le detrazioni (per un massimo di 2660 € restituiti) per l’assistenza a non autosufficienti. Da un lato si spendono le risorse per chi sta peggio e dall’altro, ripagando di fatto i costi dei contributi, si puo far emergere il lavoro di cura di molte colf, ingiustamente chiamate badanti,per poi qualificare. Si ripagherebbe inoltre con entrate fiscali e previdenziali e porterebbe ad un aumento di almeno in punto percentuale di occupazione e 0,10 di Pil.”