Kenya: la Banca mondiale sostiene il settore idrico
Redazione 30 luglio 2013 La Gabbianella in...forma

Kenya: la Banca mondiale sostiene il settore idrico

kenya_acquaStrumenti di lavoro: dal web gli aggiornamenti sulla cooperazione internazionale

Dal sito della Cooperazione italiana allo sviluppo

Sostegno al settore idrico

La Banca mondiale ha stanziato un prestito di circa 150 milioni di dollari con il governo del Kenya per lo sviluppo delle infrastrutture idriche del paese. Il credito andrà a sostegno, in particolare, di un programma a lungo termine per ottenere la sicurezza idrica e la resilienza ai cambiamenti climatici della popolazione locale, attraverso la realizzazione di depositi d’acqua e canali d’irrigazione.

I primi beneficiari del finanziamento saranno gli abitanti delle contee occidentali di Siaya e Busia, lungo il bacino del fiume Nzoia inferiore. Il progetto rientra nella Strategia di sviluppo del settore agricolo keniota, elaborata dal governo di Nairobi. Una maggiore fornitura di acqua faciliterà una maggiore produzione di frutta, verdura, soia, cereali e altri legumi, contribuendo al miglioramento della sicurezza alimentare, alla crescita economica e ad una maggiore adattabilità ai cambiamenti climatici per gli agricoltori locali e del resto del paese.

La Cooperazione italiana, attiva da quasi 30 anni nel paese, ha di recente consolidato la propria posizione nell’ambito della divisione del lavoro con gli altri donatori e dell’allineamento con le politiche di sviluppo governative, focalizzando il proprio intervento sui settori prioritari dell’approvvigionamento idrico, sanitario e della riqualificazione urbana.

Nel settore dell’acqua, la Cooperazione italiana ha assunto una presenza considerevole grazie alle ingenti risorse in esso investite dal Programma di conversione debitoria (Kenya –Italy Debt for Development Program) e al lancio di importanti crediti d’aiuto.