emergenza covid da asia
Redazione 10 Maggio 2021 In primo piano

emergenza covid da asia

Il virus in India e Nepal si sta facendo sentire con tutta la sua potenza, nelle aree in cui operiamo, dove il distanziamento è un privilegio che pochi si possono permettere, il virus gira incontrollato e senza sosta.

Tutte le scuole in India e Nepal sono nuovamente chiuse e le lezioni continuano da remoto. Nelle scuole-convitto, dove molti ragazzi attualmente risiedono, la situazione è sotto controllo, ci sono solo pochi casi positivi tra lo staff che è stato prontamente messo in isolamento con tutte le cure necessarie. Nelle scuole dove non ci sono i dormitori, gli studenti che hanno la possibilità di connettersi ad internet hanno ripreso gli studi da casa, con gli insegnanti che giornalmente inviano le lezioni e i compiti da completare.

Anche nei monasteri e nelle case per anziani la situazione è sotto controllo. Qui è sempre stato più semplice isolare e proteggere i monaci e gli anziani visto che in entrambi i casi vivono tutti insieme all’interno degli istituti ed è stato vietato l’accesso a persone esterne.

I contatti con i referenti degli istituti, che al momento lavorano per la maggior parte da casa, continuano costantemente ma aggiornamenti sui singoli beneficiari al momento sono difficili da reperire. Conoscendo e stando vicino a queste realtà, sappiamo che puoi comprendere la difficoltà e per questo grazie!

India, Nepal, Bhutan e Myanmar sono in stato di emergenza.‼
😷 La variante indiana del Covid-19 ha causato una seconda ondata di contagi ancora più drammatica della prima che, in questi paesi già in grande difficoltà dopo il primo lockdown, sta diventando una catastrofe.
🇮🇳In India, con circa 350.000 nuovi casi al giorno, gli ospedali sono al collasso. Mancano ossigeno, letti e le attrezzature necessarie per affrontare questa crisi.
🇳🇵Il Nepal registra più di 9000 nuovi casi accertati al giorno. È il paese confinante con l’India con il più alto tasso di contagi, in una settimana i contagi sono aumentati del 104%.
🇧🇹In Bhutan le scorte alimentari, che provengono maggiormente dall’India, scarseggiano e le fasce più povere della popolazione rischiano di perdere tutto.
🇲🇲In Myanmar il colpo di stato ha innescato un’ondata di violenze e di grande sofferenza che, insieme alla situazione sanitaria già precaria e l’attuale indisponibilità di medici negli ospedali, sta mettendo in ginocchio l’intero Paese.