Cresce il consenso per la cooperazione ma in chiave “aiutiamoli a casa loro”
Redazione 1 ottobre 2018 La Gabbianella in...forma

Cresce il consenso per la cooperazione ma in chiave “aiutiamoli a casa loro”

Sono freschi di pubblicazione i dati di una recente rilevazione dell’opinione pubblica europea sull’aiuto e la cooperazione allo sviluppo effettuata da Eurobarometro su quasi 30.000 europei. Più di 1000 italiani sono stati intervistati face-to-face tra giugno e luglio 2018, dopo l’insediamento quindi del governo M5S/Lega e dopo un anno di campagna elettorale anti immigrazione e polemica anti ONG. I dati sono interessanti perché vengono rilevati dalla Commissione Europea con cadenza biennale e permettono quindi di valutare le tendenze nei diversi paesi e il valore medio negli stati membri. Rispetto al 2016 gli intervistati in Italia sono diventati più positivi su molti aspetti dell’aiuto allo sviluppo (+5%), in crescita anche colore che sostengono che fornire assistenza finanziaria ai paesi in via di sviluppo sia un modo efficace per affrontare la migrazione irregolare (75%, +2%). Il dato è superiore alla media UE che si ferma al 69%. Contrastanti i dati sulla volontà di supportare la cooperazione e l’aiuto ai paesi terzi. Da un lato gli italiani si mostrano più propensi a che le istituzioni investano più risorse nella cooperazione (+10%) ma dichiarano di sostenere sempre meno le ONG (-5% rispetto al 2016,-12% rispetto alla media UE) e di sentirsi sempre meno personalmente coinvolti (- 8%)

Più di tre quarti (69%) degli intervistati in Italia concordano che affrontare la povertà nei paesi in via di sviluppo dovrebbe essere una delle principali priorità dell’UE: un aumento di quattro punti dal 2016. Quasi sei su dieci (57%) dicono di affrontare la povertà in i paesi in via di sviluppo dovrebbero essere una delle principali priorità del loro governo nazionale: un aumento di sette punti percentuali dal 2016 e uno dei più grandi osservati. Complessivamente, quasi nove su dieci (86%) intervistati pensano che aiutare le persone nei paesi in via di sviluppo sia importante. Otto su dieci (80%) intervistati in Italia pensano che il settore privato profit dovrebbero avere un ruolo importante nello sviluppo sostenibile dei paesi in via di sviluppo.

 

Più di sette italiani su dieci (74%) pensano che fornire assistenza finanziaria ai paesi in via di sviluppo sia un modo efficace per affrontare la povertà. Cresce il sostegno all’assistenza finanziaria per i paesi in via di sviluppo dovrebbe aumentare (23%, +10 pp), mentre il 48% pensa che la spesa dovrebbe restare ai livelli attuali e il 17% dice che dovrebbero essere spesi meno soldi in questo settore. Quasi nove intervistati su dieci (86%) in Italia pensano che la politica di sviluppo dell’UE dovrebbe concentrarsi anche sull’uguaglianza tra donne e uomini. Questi intervistati ritengono che le aree prioritarie debbano affrontare la violenza contro le donne e le ragazze (79%), affrontare atteggiamenti discriminatori nei confronti delle donne (65%) e sostenere l’accesso all’istruzione per donne e ragazze (49%).

In Italia, il 53% degli intervistati concorda sul fatto che ognuno possa giocare un ruolo nella lotta alla povertà nei paesi in via di sviluppo: un aumento di tre punti dal 2016. Tuttavia, meno di un terzo (32%) afferma di essere personalmente coinvolto nell’aiutare i paesi in via di sviluppo. In effetti, c’è stato un aumento di otto punti nella percentuale di coloro che affermano di non essere personalmente coinvolti (66%).

Per quanto riguarda i mezzi di comunicazione gli italiani dichiarano di avere informazioni sugli aiuti e la cooperazione allo sviluppo dalla TV (60%), attraverso parenti, colleghi o amici (32%), o da quotidiani nazionali (25%). Gli intervistati in Italia sono tra i meno inclini a menzionare i social network online (22%) o la radio nazionale (8%) come fonti di informazione

 

A guardare i dati medi a livello europeo il rapporto mostra che quasi 9 cittadini dell’Unione europea su 10 continuano a pensare che sia importante aiutare i paesi in via di sviluppo e la maggior parte vogliono mantenere o aumentare il livello di aiuti. Ma i risultati variano parecchio da paese a paese. In Svezia per esempio, il 96% delle persone ritiene che sia importante aiutare, rispetto al 68% in Estonia, dove il 18% delle persone ritiene che non sia affatto importante. In calo anche negli altri paesi il numero di persone che ha dichiarato di dare denaro a ONG o charity (- 5 punti dal 2016) mentre il 21% fa scelte etiche durante lo shopping, il 6% fa volontariato e il 5% sostiene le campagne digitali.

Variabile anche la visione dei cittadini sul nesso aiuti e contrasto all’immigrazione, cresce il consenso in 14 paesi dal 2016, tra cui Malta, Grecia, Italia e Bulgaria. In Svezia, che nel 2015 ha accettato la maggior parte dei richiedenti asilo pro capite di qualsiasi paese europeo, solo il 63% delle persone concorda sul fatto che gli aiuti siano efficaci nell’affrontare la migrazione, in calo rispetto al 75% nel 2016.

 

Scarica il rapporto completo

Scarica il rapporto sull’Italia

Infografica

da info-cooperazione.it