Cooperazione, delega al vice ministro Lapo Pistelli
Redazione 22 maggio 2013 La Gabbianella in...forma

Cooperazione, delega al vice ministro Lapo Pistelli

FarnesinaStrumenti di lavoro: cooperazione, gli aggiornamenti dalle agenzie di stampa

COOPERAZIONE. DELEGA AL VICE MINISTRO LAPO PISTELLI
La soddisfazione del Cini: “Siamo fiduciosi che sosterrà il percorso virtuoso iniziato nella precedente legislatura per un vero rilancio e una riforma organica della cooperazione internazionale”

Dal Redattore sociale
Roma, 22 maggio 2013 – E’ stata affidata al vice ministro Lapo Pistelli la delega alla Cooperazione internazionale. Esprimono soddisfazione le Ong del Cini, Coordinamento italiano delle Ong internazionali: Actionaid, Amref, Save the Children, Terre des hommes, Vis. La portavoce Maria Egizia Petroccione dichiara: “Da sempre il Cini sostiene l’importanza della presenza di una carica istituzionale di alto livello dedicata alla cooperazione internazionale allo sviluppo, con una delega piena ed ampia”.
“Con l’attribuzione della delega – continua Petroccione – si è fatto un importante passo avanti affinché la cooperazione diventi la componente qualificante delle relazioni internazionali dell’Italia, e sia assicurata la coerenza delle politiche rispetto agli obiettivi di cooperazione. L’Italia può e deve compiere una trasformazione culturale aprendosi alle sfide globali, dotandosi di una cooperazione internazionale allo sviluppo moderna ed efficace che sappia rispondere alle sfide presenti e future”. “Siamo fiduciosi che il vice Ministro Lapo Pistelli sosterrà il percorso virtuoso iniziato nella precedente legislatura per un vero rilancio e una riforma organica della cooperazione”, ha concluso Petroccione.

Le Ong del CIni chiedono in particolare che siano realizzati i 10 punti dell’Appello della società civile intitolato “La Cooperazione internazionale allo sviluppo tessuto connettivo della comunità globale“.

Ecco nel dettaglio le altre deleghe affidate all’onorevole Pistelli: relazioni bilaterali con i paesi dell’Africa sub-sahariana (esclusi i Paesi del Sadc); relazioni bilaterali con i Paesi del Golfo, Iran e Iraq; temi trattati nell’ambito delle Nazioni Unite e delle agenzie specializzate; questioni relative alle politiche ambientali ed energetiche; concessioni di contributi ai sensi dell’art. 1 della legge 180/1992; variazioni di bilancio e integrazioni dei capitoli di spesa.
(www.redattoresociale.it)