Calma apparente a Santo Domingo
Redazione 16 luglio 2013 La Gabbianella in...forma

Calma apparente a Santo Domingo

Internazionale-1008Dal settimanale Internazionale, numero 1008

Calma apparente a Santo Domingo

La vita scorre lenta e tranquilla. Ma dietro a quest’immagine da cartolina ci sono la corruzione, la violenza contro le donne e una riforma iscale impopolare

Nel 2012 il presidente Leonel Fernández ha lasciato alla Repubblica Dominicana un buco di bilancio di quasi tre miliardi e mezzo di euro, più dell’8 per cento del pil, inanziando con i fondi pubblici la sua ambiziosa campagna elettorale. Per affrontare la situazione il nuovo governo del presidente Danilo Medina, eletto nel maggio del 2012, ha varato una riforma fiscale che è stata ribattezzata paquetazo. Tra le altre misure, la riforma prevede un aumento delle imposte indirette e l’introduzione di una tassa sui prodotti di prima necessità. La pressione iscale colpisce soprattutto la classe media, già indebolita, e i più poveri. Quasi nessuno, però, riceve i servizi corrispondenti alle tasse che paga. […]

Leggi l’articolo integrale in formato pdf