Bonino: deve radicalmente cambiare l’approccio dell’Italia all’Africa
Redazione 29 maggio 2013 La Gabbianella in...forma

Bonino: deve radicalmente cambiare l’approccio dell’Italia all’Africa

Bonino-AfricaStrumenti di lavoro: dalle agenzie di stampa gli approfondimenti sulla cooperazione internazionale.

Farnesina, Bonino: Africa cresce, terra di opportunità
(9Colonne) Roma, 29 maggio 2013 – “Anche se presenta fragilità e contraddizioni non possiamo continuare a guardare all’Africa con la lente offuscata degli stereotipi del passato” perché “se è radicalmente cambiata l’Africa deve cambiare radicalmente anche approccio dell’Italia” verso quel continente. Èun balzo in avanti, prima di tutto di carattere culturale e poi economico, quello che il ministro degli Esteri Emma Bonino ha prospettato nei confronti del Continente Nero nel corso del suo intervento alla Giornata dell’Africa 2013, che si è tenuta alla Farnesina e alla quale hanno preso parte il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il ministro per l’Integrazione Cécile Kyenge; il ministro per i Beni e le attività culturali, Massimo Bray; il capo di Stato maggiore della Difesa, ammiraglio Luigi Binelli Mantelli; il viceministro degli Esteri Lapo Pistelli; il presidente della commissione Affari esteri della Camera, Stefano Stefani e numerosi esponenti del corpo diplomatico africano in Italia. Il titolare della Farnesina sottolinea infatti come quel continente, fino a pochi anni fa associato a concetti come colonizzazione, povertà, fame e malattie, stia vivendo, “un nuovo momento, una nuova transizione”, L’Africa ha, “soprattutto nell’ultimo decennio, fatto uno straordinario salto di qualità” che viene certificato da indicatori sia economici che socio-sanitari.

Per approfondire

Giornata dell’Africa 2013 – Bonino, cambiare nostro approccio a continente

Il servizio del Ministero degli Affari esteri: Africa Must Unite