Bilbao. Città di cultura e di arte

Bilbao. Città di cultura e di arte

L’associazione Il fiore del deserto invita amici e sostenitori all’inaugurazione della mostra fotografica “Bilbao. Città di cultura e di arte”, con le fotografie di Angelo Paionni. L’appuntamento è per venerdì 27 novembre alle 18 in via di Pietra.

Un reportage su Bilbao che dimostra il suo rinnovamento urbano avvenuto nell’arco di un solo decennio. Da città industriale e portuale in pieno degrado ambientale a gioiello a misura d’uomo con un grado di vivibilità eccellente e con un potenziale turistico legato alla cultura e all’arte.

BILBAO – CITTÀ DI ARTE E DI CULTURA
MOSTRA FOTOGRAFICA DI ANGELO PAIONNI

Vuoi vedere il futuro?
Vai a Bilbao.
Lo dice anche il New York Times (e non si riferisce solo al museo Guggenheim).

Alla metà del 1800 Bilbao era una città industriale grigia, sporca e fumosa. Le acque del fiume Nervión, che la attraversa, erano torbide degli scarichi di industrie siderurgiche e cantieri navali. La città pullulava di banche e di commerci, ed era la capitale economica della regione.

La grande crisi industriale del 1975 lasciò la città in condizioni difficili. Un elevato tasso di disoccupazione e povertà, il degrado sociale e quello ambientale hanno contraddistinto Bilbao fino agli anni Novanta.

Poi qualcosa è cambiato.

Nel 1991 le autorità hanno varato diversi progetti di rinnovamento e riqualificazione urbana con l’obiettivo di migliorare le sorti e l’immagine della città. Con grande impegno e con investimenti mirati sono riuscite a compiere un vero miracolo, tanto che l’odierna Bilbao ha ben poco della città industriale di un tempo.

Il progetto di rinnovamento ha puntato su quattro obiettivi principali:

1. rinnovo e manutenzione dell’architettura urbana,
2. qualità e fruibilità degli spazi urbani comuni,
3. realizzazione di un trasporto pubblico efficiente,
4. recupero di un rapporto positivo con il fiume Nervión.

Questi obiettivi sono stati realizzati a pieno in poco più di un decennio.
Il motore immobile di questo processo è stato quello che oggi è diventato il simbolo della città: il Guggenheim Museum, progetto dall’archistar canadese Frank O. Gehry e inaugurato nel 1997.

La vera forza della capitale basca risiede nella capacità e nella lungimiranza dei suoi amministratori e della classe politica, che sono riusciti a trasformare una città oggettivamente brutta e soffocata da acciaierie, rifiuti e container in un gioiello a misura d’uomo e con un potenziale turistico straordinario.

Le immagini mostrano: quanto siano belli – oltre che efficientissimi – i tram che corrono su veri tappeti erbosi e le stazioni della metropolitana (queste ultime opera di un altro archistar, il britannico Norman Foster), quanto sia riuscito il progetto di recupero urbanistico e ambientale e, soprattutto, quanto i cittadini siano quotidianamente coinvolti, responsabilizzati e chiamati a partecipare al mantenimento di questo vero e proprio miracolo.

Da cittadino di Roma nel 2015 mi dico: ma allora è possibile!

Locandina mostra Bilbao